Viaggi spaziali, la chiave del sonno criogenico nell’ibernazione dei lemuri

0
167

IL SONNO criogenico per consentire agli astronauti di imbarcarsi in missioni nello Spazio profondo lunghe e altrimenti impraticabili sotto diversi aspetti, dalla reazione dell’organismo a un ambiente tanto ostile agli approvvigionamenti per la sussistenza a bordo. Ne parla un gruppo di esperti su The Conversation recuperando una vecchia ma sempre affascinante idea per affrontare il problema: quella della biostasi, anche nota come criptobiosi, una modalità per rallentare i processi metabolici senza abbassare artificialmente la temperatura in modo da indurre uno stato di animazione sospesa. 

L’articolo completo su www.repubblica.it