Smartworking in Sanità. Federsanità, Anci Piemonte e Fondazione Ifel promuovono webinar

0
246

Il ricorso a modalità di lavoro agile porta con sé anche nuovi fronti da presidiare come quelle del benessere del lavoratore e della tutela dei dati. Secondo un report stilato recentemente, lavorare da casa, per il 48% del campione analizzato, si è tradotto in un surplus nel carico di lavoro. Quasi un italiano su due ha lavorato almeno un’ora in più al giorno: sviluppando il dato, si scopre come ci sia stato un eccesso di 20 ore lavorate in più in un solo mese di smart working. Per un approfondimento sui diversi aspetti legati allo smartworking, Federsanità Anci nazionale Federsanità Anci Piemonte, Anci Piemonte e Fondazione Ifel organizzato e promuovono un webinar sull’applicazione dello smart working in ambito sanitario e delle amministrazioni locali.

L’articolo completo su www.quotidianosanita.it